Recensioni

Nel secondo album, Shapeshifter, i Knuckle Puck riescono a reinventarsi senza però abbandonare la strada intrapresa con il lavoro precedente Copacetic. Il pop punk aggressivo, impregnato di emo e venature post-hardcore [Continua]

Ridendo e scherzando i francesi Dagoba approdano al settimo album in carriera, probabilmente se non il migliore quello più rappresentativo dell’industrial metal melodico proposto in questi anni. “Black Nova” parte [Continua]

I For The Glory rappresentano la punta dell’iceberg di una scena hardcore portoghese che regala sempre diverse sorprese (pensate tra gli altri a Reaching Hand, Grankapo e Day of The [Continua]

Nato e cresciuto a Stoccolma, Andreas Moe, promettente cantautore svedese ritorna sulle scene con il suo terzo EP Maybe It’s All We Dreamed Of (1 Settembre – Nettwerk Records) e [Continua]

Season of mist è ormai nota per non sbagliare mai un colpo. Negli ultimi due anni sono difficilissimi da individuare i passi falsi dell’etichetta. In questo caso, poi, unisce due [Continua]

Al solo annuncio dell’uscita di “Villains”, settimo album in studio dei QOTSA, si sentiva già l’eco dei “dopo ‘Song for the Deaf'” sono finiti (per il versante più radicali torniamo [Continua]

Approdano per la sussidiaria di Nuclear Blast (Arising Empire) i giovani tedeschini Alazka che ci propongono un debut album che farà felici i tanti amanti del metalcore melodico ma, ahimè, [Continua]

Sulla carta il progetto Powerflo ha tutto per sbancare! Pensate a un supergruppo rapcore con Sendog (Cypress Hill), Billy Graziadei (Biohazard), Roy Lozano (Downset) e Christian Oldewolbers (Fear Factory) in [Continua]

Direttamente dalle ceneri dei Rise After Defeat ecco prendere vita gli Scornthroats con un album, Misfortune, davvero interessante e destinato sicuramente ad entrare tra i principali ascolti di chiunque ami [Continua]

Due sono i punti fermi in casa Thy Art Is Murder: il primo è ogni loro disco è frutto del genio artistico del chitarrista Andy Marsch e secondo che l’impatto [Continua]

La morte di Tony Sly, nel 2012, rimane una delle perdite più grandi nella musica degli ultimi anni. Dei No Use For A Name ci è rimasta in eredità una [Continua]

I Wilt sono una neonata band canadese cresciuta a pane, Wolves in The Throne Room, Evoken , Addaura e Emperor. “Moving Monoliths”, album di debutto uscito per Vendetta Records è [Continua]

Josh Scogin è un genio. Si era già capito con i Norma Jean su cui cantò in quel magnifico “Bless The Martyr and Kiss The Child” e lo ha confermato [Continua]

Quando si parla di metalcore è fuori discussione che il combo capitanato da Vincent Bennett sia uno dei punti di riferimento per tutti gli amanti “old school” di genere. Detto [Continua]

La classe e il genio “calcolatore” di Jay Z, al secolo Shawn Carter, si mostra in tutta la sua grandezza in questo “4:44” nuovo album pubblicato con modalità simili al [Continua]

E’ facile pronosticare un futuro di primo piano per i giovanissimi Cursed Earth, nuovi “puledri” della scuderia UNFD che si è accaparrata l’agguerritissimo combo di Perth. Cinque i brani proposti [Continua]

Cinque anni d’attesa per del nuovo materiale e i Converge non deludono le aspettative con un 7″ da collezione (disponibile comunque anche la versione digitale) contenente due brani che esplorano [Continua]

Il progetto Mutoid Main prosegue e arriva al terzo capitolo con il suo tumultuoso mix di punk, hardcore, metal anni ’80 (dai Voivod al classic metal) e retrogusto noise. Tanta [Continua]

Negli ultimi mesi è stato difficile non incappare in un riferimento a Jade Jackson se avete usanza di bazzicare i profili social dei Social Distortion: la giovane americana ha infatti [Continua]

Uscita estemporanea per giapponesi Crossfaith che ci propongono giusto in tempo per le vacanze estive un EP di tre brani a tema tecnologico (il concept francamente è abbastanza scontato ma [Continua]

Nonostante il titolo di questo secondo EP (atteso per fine anno l’ultimo episodio per terminare la trilogia iniziata con “Not the Actual Events”) lasci presagire un quintetto di brani abrasivi [Continua]

I Colors Void fanno parte di quella nuova schiera di band dedite a unire sotto un’unica spole il lato più catchy dell’hard-rock e l’espressività artistica dell’alternative rock d’Oltreoceano. Un mix [Continua]

Nessuno se lo sarebbe aspettato, soprattuto chi segue la band sin dall’ormai ventiseienne “Humanity Is The Devil”, di ritrovarsi nel 2017 con una band ancora così in forma e tagliente. [Continua]

Qualche anno fa girava voce che gli Slipknot non fossero altro che il veicolo per portare alla ribalta il vero e più sentito progetto di Corey Taylor, gli Stone Sour. [Continua]

Pochi fronzoli e grande ‘fotta’ per gli Straight Opposition, band di Pescara che unisce all’attitudine indubbiamente riconducibile al NYHC un’indole più metallizzata vicina a Terror e simili. La saltellante titletrack [Continua]

Il matrimonio tra la band hardcore più attiva e scatenata della scena italiana gli ultimi anni e la solida label (sempre nostrana) FOAD ha partorito questo “Calunnia”, trecento copie numerate [Continua]

Secondo full length per i londinesi Aboherrent Decimation che approdano, con questo lavoro alla corte di Prosthetic Records (Lamb Of God, Kylesa Schammasch, Animal As Leaders tra gli altri). The [Continua]

Venticinque anni di attività, ventitré dischi: “Dear” è il disco che probabilmente andrà a chiudere la carriera della band giapponese. Le premesse sono di altissimo livello e anche l’etichetta alle [Continua]