Knuckle Puck – Shapeshifter

knuckle puck shapeshifterNel secondo album, Shapeshifter, i Knuckle Puck riescono a reinventarsi senza però abbandonare la strada intrapresa con il lavoro precedente Copacetic. Il pop punk aggressivo, impregnato di emo e venature post-hardcore rimane il marchio di fabbrica della band e rimane protagonista per tutta la durata del disco. Si susseguono brani veloci e orecchiabili come Double Helix e Stuck In Our Ways; ma sono i brani in cui la band si è assunta un rischio a risultare i più interessanti: uno su tutti, Everyone Lies To Me. 

Anche questa volta i testi sono parte integrante del disco, se non i veri protagonisti. Sì perché è grazie alla capacità di mostrare le emozioni come immagini vivide, raccontando una storia che si abbina in tutto e per tutto alla musica che Shapeshifter diventa quasi un concept album sull’identità e il cambiamento.

Con Shapeshifter i Knuckle Puck dimostrano che non è sempre necessario cambiare e innovarsi per produrre un disco gradevole e che sappia comunicare qualcosa. Quando si ha un’idea che funziona è giusto coltivarla fino alla perfezione piuttosto che cambiare strada e rischiare la via della mediocrità. [7 MR]

Shapeshifter (2017 – Rise Records)

 

 

Lascia un Commento