FIXT ENGLISH – Il nuovo progetto dell’ex chitarrista dei LETLIVE. Jeff Sahyoun pubblica il singolo ‘Lost It’

È stato un viaggio lungo, difficile e tortuoso quello di Jeff Sahyoun, che da chitarrista dei Letlive., fondatori del post-hardcore, è diventato l’unica mente dietro la potenza alt-pop dei Fixt English.

Con l’EP di debutto dei Fixt English, “Erase Theory”, Jeff ripercorre quell’avventura, esplorando la perdita, il tradimento e lo strazio con franca vulnerabilità. In definitiva, però, Fixt English è un progetto ottimista di perseveranza. “Non sono più distrutto“, dichiara nel brano di apertura, nonché singolo di debutto, “Lost It”.

‘Lost It’ riflette sulla dicotomia di due sottoculture“, spiega Jeff. “Si tratta di imparare a trovare pace ed equilibrio quando i sentimenti di intrappolamento in uno stile di vita socialmente dominante hanno la precedenza sulla vera passione e identità di un individuo. Il gioco mentale di cercare conferme non necessarie da un mondo di rifiuto e abbandono di cui una volta si faceva parte. Si tratta di imparare a ricominciare da capo in una nuova cultura che sembra estranea, mentre si cerca ancora di navigare in una vita passata che ha veramente definito chi si era“.

Come membro dei Letlive. per un decennio, Jeff suonava regolarmente più di 200 concerti all’anno. “Era la tua identità. Era il tuo tutto“, dice. Quando la band si è sciolta nel 2017, si è sentito “perso, intrappolato e depresso“. “Tutte le cose belle della vita finiscono“, dice oggi. “Sono contento che tutto si sia risolto nel modo giusto“, ma Jeff ha impiegato molto tempo per raggiungere un luogo di positività. Quasi subito dopo la separazione, Jeff ha ricominciato a scrivere musica, determinato a mantenere vivo il sogno.

FIXT ENGLISH - Il nuovo progetto dell’ex chitarrista dei LETLIVE. Jeff Sahyoun pubblica il singolo ‘Lost It’

Dopo due anni di rifiuti e una vita ai margini, Jeff ha accettato un lavoro nell’edilizia, sia per pagare le bollette sia per allontanarsi da un’industria che stava diventando sempre più tossica. “Ricominciare da zero è così fottutamente difficile“, dice Jeff, la cui “fiducia e autostima si erano lentamente consumate” dopo essersi ritrovato a dormire sul divano della sorella minore.

Lavorando di giorno e studiando la sera, Jeff si è lentamente rimesso in piedi, ma non ha mai lasciato che la sua “storia d’amore” con la musica si spegnesse del tutto. “Studiavo e quando avevo bisogno di una pausa, scrivevo una strofa. Non c’era pressione. Se qualcosa faceva schifo, potevo sempre tornarci sopra più tardi“. Un paio di giorni dopo la laurea, è tornato a guardare la musica che aveva scritto e si è reso conto di avere un disco finito che raccontava la storia dell’equilibrio tra responsabilità e passione.  “Si tratta di sentirsi vuoti, di affrontare le depressioni, di chiedersi come mai le cose siano andate così male, ma anche di tornare in un luogo a cui si sente di appartenere“, spiega.

A volte devi accettare che non è il momento giusto, ma altre volte devi essere pronto a lottare per ciò che vuoi veramente“, spiega Jeff prima di rivelare che “Erase Theory” contiene anche alcune canzoni che parlano di una vera rottura. “Stay” è un inno pop rock emotivamente devastante scritto in “due ore, mentre il mio fidanzato stava traslocando da casa nostra. Ero così triste che non me ne fregava niente di come suonava o di quanto fossi onesto“.

È uno stato d’animo che caratterizza i Fixt English, con Jeff che ha provato numerosi stili e generi (e alcuni cantanti diversi) prima di trovare quello che gli sembrava più naturale. “Per un po’ mi è sembrato che stessi cercando di interpretare un personaggio. Solo quando mi sono dato il permesso di essere me stesso mi sono sentito a posto“. Dopo molte prove ed errori per trovare qualcosa che fosse eccitante, il risultato finale è qualcosa che Jeff descrive come un incontro tra The Weeknd e Nine Inch Nails, ma con cenni alle influenze dell’infanzia di David Bowie, Fleetwood Mac, Led Zeppelin e Depeche Mode.

Si diventa così nervoso, perché è passato così tanto tempo dall’ultima volta che sono salito sul palco o che ho pubblicato musica“, continua. “Forse la gente si aspetta un disco hardcore? Non so se quello che ho fatto sarà accettato, ma sono entusiasta di scoprirlo. Non vedo l’ora di vedere come andrà a finire“.

https://www.facebook.com/fixtenglish
https://www.instagram.com/fixtenglish/

Lascia un Commento