UNE MISÈRE – Festeggiano il primo anniversario di “Sermon” con due nuovi video dal vivo

Un anno fa gli islandesi UNE MISÈRE pubblicarono il loro esplosivo album “Sermon” tramite Nuclear Blast Records. Ieri la band ha festeggiato il primo anniversario, offrendo ai fan due nuovi video, “Spiral” e “Voiceless”, registrati in occasione del release show che si è tenuto il 14 dicembre 2019.

La band commenta: “Il 1° novembre segna il primo anniversario del nostro album di debutto ‘Sermon’. Quel giorno è cambiato tutto. Ringraziamo chi ha acquistato il disco, l’ha ascoltato in streaming o in altro modo. Un grosso grazie a chi ha diffuso il nostro messaggio di infelicità quando noi non ci siamo riusciti. Abbiamo sempre parlato degli UNE MISÈRE come di un collettivo e questo è il motivo. Tutti voi fate parte degli UNE MISÈRE, esattamente come noi. Grazie. Ci sono grosse novità all’orizzonte e non vediamo l’ora di farvi ascoltare e vedere ciò su cui stiamo lavorando. La tristezza sopravviverà sempre. Per sempre UNE MISÈRE“.

“Sermon” è stato prodotto e mixato da Sky van Hoff (EMIGRATE, RAMMSTEIN, ecc.), mentre della masterizzazione si è occupato Svante Forsbäck. L’album è stato registrato da Marco Bayatl, Sky Van Hoff e Marco Kollenz. L’artwork è stato realizzato da Niklas Sundin (DARK TRANQUILITY).

Il prodotto di un’era moderna; la natura sonora degli UNE MISÈRE non può essere definita facilmente. Intrinsecamente pesante, la band si pone da qualche parte nel vasto spettro di blackened hardcore e metal aggressivo.

“Sermon” è disponibile qui: http://nblast.de/UneMisereSermon

“Sermon” – Tracklist:
01. Sin & Guilt
02. Sermon
03. Overlooked // Disregarded
04. Burdened // Suffering
05. Fallen Eyes
06. Beaten
07. Grave
08. Failures
09. Damages
10. Offering
11 Spiral
12. Voiceless

UNE MISÈRE sono:
Jón Már Ásbjörnsson – Voce
Fannar Már Oddsson Chitarra e Voce
Gunnar Ingi Jones – Chitarra
Benjamín Bent Árnason – Batteria
Þorsteinn Gunnar Friðriksson – Basso

UNE MISÈRE online:
www.facebook.com/unemisere
www.instagram.com/unemisere
www.twitter.com/unemisere
www.nuclearblast.de/unemisere

Lascia un Commento